Prodotti e servizi di buona qualità non sono più sufficienti, da soli, a garantire il successo di un’organizzazione.
Il cliente oggi vuole sapere tutto dell’azienda, cosa c’è dietro una “bella immagine” o un “prodotto di 
qualità”.

Vuole sapere se l’azienda è affidabile, competente, onesta.
Il brand non basta più: occorre una company reputation adeguata e credibile.

Il cittadino/cliente/consumatore oggi vuole essere rassicurato dall’azienda e vuole potersi fidare. Sia sul piano tangibile (inquinamento, caratteristiche delle materie prime, sostenibilità ambientale, ecc.) che su quello intangibile (vicinanza, simpatia, attenzione per le risorse umane, responsabilità sociale, attenzione alla comunità, ecc.).
La reputazione – che, come sappiamo, si costruisce con comportamenti positivi e diretti ripetuti nel tempo – diventa cruciale nell’aiutare il consumatore a scegliere un prodotto-servizio nel mare confuso e ipercompetitivo del mercato.
La reputazione agisce quindi da elemento rassicurante e di semplificazione.
Per poter difendere la reputazione di un’azienda moderna, articolata e in relazione con tanti altri attori di business, diventa fondamentale gestire tutte le informazioni strategiche in modo innovativo e collaborativo, puntando su digitalizzazione e cloud.