Anche quest’anno torna l’appuntamento con la Fashion Revolution Week, per chiedere ai grandi brand della moda #ChiHaFattoIMieiVestiti?

Il movimento internazionale Fashion Revolution (del quale abbiamo già parlato in un precedente articolo), fondato da Orsola de Castro e Carry Somers, anche quest’anno organizza la Fashion Revolution Week, dal 24 al 30 di Aprile, una settimana dedicata alla presa di coscienza di ciò che può significare comprare un capo di abbigliamento, cominciando da una semplice domanda: “Chi ha fatto i miei vestiti?”
Domanda che ognuno di noi può porre ai brand del fashion semplicemente indossando un indumento al contrario, con l’etichetta in vista e postando la foto sui social con gli hashtag #WhoMadeMYClothes #Fash_Rev.

Piccoli passi che possono contribuire a rendere l’industria della moda più etica, rispettosa dell’ambiente e dei diritti umani perché, come dice Marina Spadafora, direttrice creativa di Auteurs du Monde (linea di moda etica di Altromercato) e coordinatrice di Fashion Revolution Italia: “Ognuno di noi ha il potere di cambiare le cose per il meglio e ogni momento è buono per iniziare a farlo”.

Molti gli eventi che anche quest’anno si terranno in ben 92 paesi del mondo in occasione della Fashion Revolution Week, in Italia l’appuntamento più importante sarà quello di Giovedì 27 Aprile a Milano, nello spazio “NonostanteMarras” in Via Cola di Rienzo 8, dalle 18.30 alle 20.30, l’attrice Lella Costa eseguirà un monologo che ci inviterà a riflettere ed a prendere coscienza dell’importanza dell’eticità e della sostenibilità anche nel mondo della moda.

RSVP – italy@fashionrevolution.org