La rivoluzione digitale non interessa solo le grandi imprese, sta diventando una condizione sempre più necessaria anche per le PMI.

Nonostante le PMI europee siano pienamente consapevoli dei vantaggi che porterebbe l’implementazione di strumenti e procedure digitali, la paura dei costi che questi potrebbero comportare è comunque più alta. La verità è invece che la digitalizzazione è meno inaccessibile di quello che si pensi e che anzi, nella maggior parte dei casi, prevede una riduzione dei costi e l’aumento del fatturato.

A differenza delle piccole e medie imprese che non hanno ancora adottato tecnologie digitali, le PMI che hanno già intrapreso il processo di digitalizzazione stanno riscontrando una crescita più rapida solo grazie all’implementazione di semplici strumenti e risorse che permettono loro di essere parte attiva in quella che viene chiamata digital economy.
Per molte di queste, il primo passo verso la trasformazione digitale consiste nell’adozione di sistemi in cloud, che siano software di CRM (Customer Relationship Management), strumenti per la collaborazione aziendale o applicazioni di e-commerce.

E quali sono i vantaggi derivanti dal loro utilizzo?
Le PMI che stanno utilizzando questi strumenti sono anche le stesse che hanno visto un aumento del loro fatturato, dovuto anche all’incremento delle vendite e della produttività, sono quelle che hanno registrato una diminuzione dei costi e anche il miglioramento della comunicazione, in termini di tempo e di accessibilità delle informazioni, del flusso di lavoro e la semplificazione dei processi.

Queste soluzioni tecnologiche di ultima generazione fanno sì che le piccole realtà aziendali che stanno ripensando la propria gestione in termini di digitalizzazione, sviluppino, grazie al loro utilizzo, un livello di efficienza e di conseguente competitività tali da potersi mettere a confronto anche con le grandi imprese che sono sempre state più rilevanti sul mercato di oggi che risulta essere sempre più veloce e globale.