Comunicare e scambiare informazioni di qualunque tipo non è mai stato così facile e veloce, e mai come oggi la sicurezza di questi stessi dati è stata così vulnerabile

Per farsi un’idea dell’entità della questione basti solo pensare che quasi tutte le nazioni hanno un corpo di polizia dedicato esclusivamente ai crimini informatici, di cui buona parte dell’attività è incentrata sul furto di informazioni.
Anche le grandi organizzazioni hanno dipartimenti dedicati a questo tipo di attività, il che la dice lunga su come le comunicazioni e le informazioni siano diventate strategiche.
Quindi il tema della sicurezza dei dati è più che mai attuale e non può essere né ignorato né sottovalutato.

Non esiste “una” sicurezza, né un solo aspetto da considerare, alcuni sono prettamente tecnologici, mentre altri sono più delicati e subdoli in quanto riguardano i comportamenti dell’anello più debole della catena della sicurezza, cioè noi stessi.

Pur consapevoli che la sicurezza totale non esiste, per quanto riguarda gli aspetti tecnologici, esistono componenti hardware e software in grado di garantire un elevato grado di sicurezza:

  • cifratura ad altissimo livello che richiederebbe anni per essere decifrata a “forza bruta”;
  • firewall in grado di prevenire l’accesso non autorizzato o i tentativi di “sfondamento”;
  • mascheramento applicativo per separare i server che erogano un servizio dai client che ne fruiscono, e molto altro ancora.

Per fortuna la tecnologia della sicurezza sta evolvendo enormemente, ma con gli apparati purtroppo risolviamo solo metà del problema. Nessuno dei sistemi più sicuri e inviolabili al mondo è infatti in grado di definirsi tale se poi la sua “interfaccia umana” sceglie una password come “123456” o “password”, che per la cronaca sono le più usate al mondo!
E la password debole è solo un esempio, anche se è ai primissimi posti (se non al primo) come falla nella protezione nei sistemi informatici.
Le best practices in tema di sicurezza, cioè l’insieme dei comportamenti atti ad attivare e mantenere l’incolumità di un sistema, dovrebbero essere tenute nella stessa considerazione degli apparati fisici scelti.